Visualizzazione post con etichetta Le inchieste di Dante Alighieri. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Le inchieste di Dante Alighieri. Mostra tutti i post

Giulio Leoni

Giulio Leoni (Roma, 12 agosto 1951) è uno scrittore italiano.
Narratore e autore di testi poetici e critici, si laurea in Lettere Moderne con tesi sui linguaggi della poesia visiva. Oltre a collaborare con saggi e testi creativi alle maggiori pubblicazioni specializzate, negli anni '80 fonda e dirige la rivista Symbola, dedicata all'analisi della poesia e della letteratura sperimentali. Attualmente insegna Teoria e tecniche della scrittura creativa presso la Sapienza di Roma.
A questa sua attività si accompagna nel tempo un crescente interesse per la narrativa, cui si dedica realizzando una serie di romanzi e racconti del mistero per lo più ambientati in epoche passate e basati su suggestivi enigmi storici, come nel ciclo dedicato alle avventure investigative di Dante Alighieri.
In altri scritti affronta poi temi più decisamente legati al giallo, l'avventura, la fantascienza e l'orrore, esplorando pressoché tutto il campo del fantastico.
Tra gli autori italiani di genere più conosciuti all'estero (sue opere sono state tradotte in una quarantina di paesi), alla produzione maggiore affianca una serie di romanzi per ragazzi in cui rielabora i suoi temi in forme adatte a un lettore giovanile.
Nel 2000 vince il Premio Tedeschi per il romanzo Dante Alighieri e i delitti della Medusa, e nel 2006 il Premio Lunigiana per la narrativa giovanile.

Le inchieste di Dante Alighieri
01 - I delitti della Medusa
02 - I delitti del mosaico
03 - I delitti della luce
04 - La crociata delle tenebre
05 - La sindone del diavolo
06 - Il manoscritto delle anime perdute

Altre opere:
01 - Il testamento del papa
02 - La regola delle ombre
03 - L'occhio di Dio

I delitti della luce




Le inchieste di Dante Alighieri (03)
Firenze, agosto 1300. Dante Alighieri, ancora per poco priore della città, viene chiamato nelle paludi dell'Arno, dove è stata trovata una galea arenata. A bordo, centinaia di cadaveri e i resti di un misterioso meccanismo. Da dove è giunta quella nave? E perché, dopo poche ore, viene ferocemente assassinato l'architetto di Federico II, artefice di un enigmatico castello in mezzo al nulla? Uno spettro sembra riemergere dal passato: cinquant'anni prima l'imperatore Federico, perennemente avido di conoscenza, è morto sulla soglia di un'ultima, straordinaria rivelazione. Ora il cerchio sta per chiudersi. Chi cerca di impedirlo? Dante ha solo poche ore prima che scada il suo mandato: gli basteranno per scoprire l'assassino e fermare così il fiume di sangue che dilaga a Firenze?

I delitti del mosaico




Le inchieste di Dante Alighieri (02)
Firenze, 1300. In una notte di giugno un uomo viene ucciso in modo orribile e il suo corpo abbandonato ai piedi di un gigantesco mosaico incompiuto. Tocca a Dante Alighieri, da poche ore priore di Firenze, il compito di trovare l'assassino. Un compito difficilissimo, ostacolato da falsi indizi e domande cui sembra impossibile dare una risposta. Finora il poeta non si è mai occupato di delitti, ma ha già iniziato a comporre i versi della Commedia, il più grande trattato di criminologia di tutti i tempi. E alla sua intelligenza acuta unisce un carattere poco incline alla pazienza. Guai a chi si metterà tra lui e la verità, fosse pure un inviato di Bonifacio VIII, il papa assetato di potere assoluto.