Ultime recensioni

Visualizzazione post con etichetta Le avventure di Amelia Peabody. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Le avventure di Amelia Peabody. Mostra tutti i post

Elizabeth Peters

Elizabeth Peters (pseudonimo di Barbara Mertz) si è laureata in Egittologia all'Università di Chicago, presso il celebre Oriental Institute e ha al suo attivo anche una notevole produzione saggistica. L'idea di scrivere romanzi che avessero come sfondo l'Egitto è nata appunto dal desiderio di combinare le sue due più grandi passioni: l'archeologia e la scrittura. Nel 1998 è stata insignita del titolo di Grandmaster dall'associazione che riunisce i più prestigiosi giallisti americani, la Mystery Writers of America.

Le avventure di Amelia Peabody
01 - La sfida della mummia
02 - Il faraone assassino
03 - Il caso del sarcofago scomparso
04 - L'enigma della piramide nera
05 - Indagine nel museo egizio
06 - Il mistero della città perduta
07 - La maledizione di Nefertiti
08 - Il segreto della tomba d'oro
09 - Pericolo nella Valle dei Re
10 - Il papiro insanguinato
11 - Il flagello di Horus
12 - Il fulmine di Sethos

Il fulmine di Sethos




Le avventure di Amelia Peabody (12)
La stagione di scavi del dicembre 1914 è appena iniziata, eppure Amelia Peabody e la sua famiglia non possono concentrarsi sul lavoro. Con la guerra che ormai infuria in tutta Europa, e con le voci sempre più insistenti di un imminente attacco turco al Canale di Suez, l'intera comunità archeologica vive giorni d'ansia e di paura. Inoltre, se Radcliffe è troppo anziano per arruolarsi nell'esercito, il fatto che Ramses non si sia ancora unito alle truppe britanniche è motivo di scandalo. Lo stesso Ramses mostra segni di malessere, come se nascondesse un segreto inconfessabile. E nessuno sa perché i suoi viaggi fuori città siano così frequenti e avvolti nel mistero... Nonostante ciò, gli scavi a Giza proseguono e hanno una svolta inaspettata quando Radcliffe riporta alla luce una splendida statua reale, in perfetto stato di conservazione. Fin troppo perfetto, secondo Amelia. Convinta che sia un falso, lei teme che quella scoperta sia la conferma della sua paura più grande: l'inafferrabile Sethos, conosciuto come la Mente Criminale, è tornato e sta manovrando nell'ombra.

Il flagello di Horus




Le avventure di Amelia Peabody (11)
Egitto, 1911. Amelia Peabody si è rassegnata: ancora una volta, per colpa del temperamento impulsivo del marito Radcliffe Emerson, dovrà condurre una campagna di scavi in una zona nient’affatto promettente. Ciò che Amelia non può tollerare, però, è l'uragano di calunnie che rischia di abbattersi sulla sua famiglia. Quando David, migliore amico del figlio Ramses e novello sposo della nipote Lia, viene sospettato di contrabbandare preziosi reperti archeologici, lei si lancia subito in un’indagine per fugare quelle basse insinuazioni. Ben presto, però, la situazione precipita: il cadavere di una donna americana viene ritrovato proprio nella zona di scavi assegnata agli Emerson e gli altri archeologi, già convinti che David sia un malfattore, non esitano ad accusare di omicidio l’intera famiglia. E, proprio quando sembra che le cose non possano andare peggio, qualcuno si prepara a mettere a segno un colpo mortale...

Il papiro insanguinato




Le avventure di Amelia Peabody (10)

La campagna archeologica in Egitto del 1907 nasce sotto una cattiva stella per Amelia Peabody. A causa della totale mancanza di diplomazia del marito Radcliffe, la famiglia è confinata in una zona della Valle dei Re povera di reperti. Ma non è un problema per Amelia: il deserto è un'inesauribile fonte di segreti inviolati... Quando, infatti, Ramses, il giovane figlio di Amelia, compra un antico papiro, nessuno immagina che quel reperto contenga una parte del Libro dei Morti, una raccolta di formule magiche e preghiere arcane che, secondo la leggenda, hanno il potere di resuscitare i defunti e guidare le anime nell'oltretomba. E, soprattutto, è una straordinaria fonte di informazioni archeologiche, che possono aprire le porte di nuove scoperte. Ma un reperto così importante non può che attirare l'attenzione di predatori, collezionisti senza scrupoli e, in particolare, del geniale Maestro del Crimine, l'uomo che più volte ha sfidato l'acume di Amelia. Ecco perché una campagna nata sotto una cattiva stella rischia di diventare per lei l'ultima spedizione…

Pericolo nella Valle dei Re




Le avventure di Amelia Peabody (09)

Amelia Peabody si sta preparando per una nuova stagione di scavi insieme col marito Radcliffe nella Valle dei Re, quando, una notte, sogna un grande gatto nero, il simbolo egizio della buona sorte. In un primo momento, Amelia non fa caso a quello strano sogno, ma poi riceve un biglietto anonimo che le ingiunge di non scavare nei pressi della tomba Venti-A. Capisce, allora, che una dose massiccia di fortuna è proprio ciò di cui ha bisogno. Perché la tomba Venti-A non esiste, e un sepolcro che non esiste può celare chissà quali segreti. Ad esempio la mummia in abito da sera di una giovane donna bionda pugnalata e imbalsamata da una mano misteriosa. Ancora una volta, Amelia si trova suo malgrado imbrigliata in un labirinto di morte, superstizione e misteri che affondano le loro radici in un passato millenario…

Il segreto della tomba d'oro




Le avventure di Amelia Peabody (08)

Amelia Peabody, accompagnata dal marito Radcliffe, dal figlioletto Ramses e dalla loro affascinante pupilla Nefret, si trova sulle rive del Nilo, per preparare una spedizione che li condurrà a Tebe, e soprattutto alla tomba che ospita le spoglie mortali (e gli inestimabili tesori) della regina Tetisheri. Ma non appena giunti a destinazione, una pioggia d’imprevisti si abbatte sulla compagnia: caldo infernale, pipistrelli inquietanti, ladri e delinquenti d’ogni tipo, noiosi turisti, giornalisti ficcanaso... per non parlare di un mercante d’arte dalla stazza di un ippopotamo e di una governante che tutto fa tranne governare. Nonostante le innumerevoli difficoltà, lo scavo sembra procedere verso l’esito sperato, sino a quando Ramses e poi Nefret scompaiono misteriosamente nel nulla...

La maledizione di Nefertiti




Le avventure di Amelia Peabody (07)
Lasciato in Inghilterra il figlioletto Ramses (che, ormai dodicenne, comincia persino a interessarsi alle fanciulle…), Amelia ed Emerson ripartono verso l’Egitto con l’obiettivo di occuparsi di un nuovo, promettente sito archeologico. Le speranze di Amelia, una volta tanto, non sono soltanto di studio: la possibilità di stare finalmente sola col marito sarebbe infatti l’occasione per una seconda luna di miele… Invece Emerson sparisce misteriosamente e Amelia, disperata, non può far altro che cercarlo nei villaggi intorno a Luxor in compagnia dei suoi amici più fidati. Ed è proprio la sua guida, Abdullah, a ritrovare Emerson in una casa abbandonata. Amelia scopre allora che il rapitore voleva estorcere al marito preziose notizie su un sito in cui si dovrebbe trovare la tomba di Nefertiti. Sfortunatamente per il criminale, però, Emerson è caduto vittima di un’amnesia e non ricorda nulla di quel luogo. E, sfortunatamente per Amelia, il marito non rammenta più nulla neanche di lei…

Il mistero della città perduta




Le avventure di Amelia Peabody (06)
Adesso che anche l’ultimo cammello è morto, Amelia Peabody, suo marito Radcliffe e il loro vulcanico figlioletto Ramses sono veramente nei guai: la sterminata distesa di sabbia del deserto africano potrebbe diventare la loro tomba... Tutto era cominciato qualche mese prima, in Inghilterra, quando Radcliffe era stato contattato da Lord Blacktower, il quale aveva ricevuto un papiro d’incerta provenienza su cui erano riportati un enigmatico messaggio e una mappa. Secondo Lord Blacktower, quella era la prova che suo figlio, scomparso più di dieci anni prima in Sudan, insieme con la moglie, era ancora vivo. In realtà, Amelia aveva subito dubitato dell’autenticità del messaggio, ma la mappa, che suggeriva l’esistenza di una città egizia ormai perduta, era stata una tentazione troppo forte per lei. Ora che la vita dei suoi cari è in pericolo, tuttavia, Amelia è decisa a non arrendersi ed è pronta a risolvere un mistero che affonda le sue radici nell'antico Egitto e che ha già mietuto troppe vittime...

Indagine nel museo egizio




Le avventure di Amelia Peabody (05)
Il guardiano notturno del British Museum viene ritrovato ai piedi di una mummia, con un’espressione di terrore sul volto. Ma la paura può veramente uccidere? Alcuni ne sono convinti, ma Amelia Peabody è piuttosto scettica al riguardo e nutre seri dubbi sul fatto che la maledizione di una mummia della Diciannovesima Dinastia possa essere stata la causa di quella morte. Come resistere alla tentazione di gettarsi in una nuova indagine, dunque? Senza contare che, al momento, in casa Peabody si stanno annoiando un po’ tutti: senza sarcofagi da disseppellire o tesori da portare alla luce, Amelia, suo marito Emerson e il loro scatenatissimo figlioletto Ramses hanno proprio bisogno di qualche svago… Ma ben presto si renderanno conto che i nebbiosi vicoli londinesi rischiano di essere ancora più pericolosi delle contorte viuzze del Cairo, soprattutto se un malfattore è ben deciso a mandare all'altro mondo la persona che gli sta dando la caccia: Amelia Peabody.

L'enigma della piramide nera




Le avventure di Amelia Peabody (04)
La nuova stagione di scavi in Egitto si annuncia eccezionale per Amelia Peabody, suo marito Radcliffe Emerson e il loro figlioletto Ramses. Dopo lunghe trattative, infatti, sono riusciti ad avere l’autorizzazione a studiare la camera mortuaria della mitica Piramide Nera, a Dahsur. Ma già al suo arrivo al Cairo, Amelia ha la sensazione che qualcuno voglia approfittare del loro lavoro per appropriarsi illegalmente di reperti preziosissimi… Non a caso gli scavi vengono rallentati da una serie di incidenti e morti misteriose; ma, quando un gruppo di individui tenta di rapire Ramses, Amelia capisce che, per fermare quella catena di violenze, l’unico modo è smascherare il solo uomo capace di tali misfatti: la Mente Criminale, l’inafferrabile ladro che ha già tentato di uccidere lei e suo marito Emerson e che, evidentemente, non ha alcuna intenzione di lasciarli in pace. Tuttavia, per trasformarsi da preda in cacciatore, Amelia dovrà attingere a tutto il suo coraggio e acume, perché quel nemico privo di scrupoli sembra un fantasma senza volto e senza storia, che gira tra piramidi e sfingi seminando paura e morte…

Il caso del sarcofago scomparso




Le avventure di Amelia Peabody (03)
Le rivalità tra archeologi sono all’ordine del giorno e dunque non fa sorpresa che a Radcliffe Emerson, l’irascibile marito di Amelia Peabody, venga negata l’autorizzazione a scavare presso le celebri piramidi di Dahsur, costringendolo a ripiegare sulle «piramidi» di Mazghuna, in pratica un cumulo di pietre nei dintorni del Cairo. Una volta raggiunto il sito archeologico, Radcliffe e Amelia si trovano circondati da un’atmosfera ostile e tuttavia i reperti di valore non mancano… anche se sembrano quasi dotati di vita propria: un prezioso sarcofago scompare; un altro viene ritrovato presso il campo di un collega rivale; un terzo viene rubato dal locale in cui Amelia raccoglie i reperti… Chi è il responsabile di questo balletto? Qual è il ruolo del losco figuro che Amelia ha visto al Cairo, in un negozio di antichità? E perché Ramses – il turbolento figlioletto degli Emerson – ha deciso di condurre una sua personalissima campagna di scavi?

Il faraone assassino




Le avventure di Amelia Peabody (02)
Amelia Peabody e suo marito Radcliffe non sono fatti per la tranquilla vita borghese. Adesso che hanno un figlio – William, detto Ramses – sono costretti ad adattarsi alle regole della società vittoriana, ma Amelia preferirebbe di gran lunga essere braccata per il deserto da una banda di dervisci, piuttosto che servire tè e pasticcini. Così, quando alcuni misteriosi delitti rischiano di compromettere i lavori in un promettente sito archeologico, Amelia e Radcliffe prendono l’occasione al volo: lasciano il piccolo Ramses alla cognata e partono per l’Egitto. Il loro scopo è aiutare una vecchia amica di Radcliffe, Lady Baskerville; suo marito, Sir Henry Baskerville, è stato infatti trovato morto in circostanze inquietanti: sul suo viso è come stampata una smorfia di puro terrore e sulla sua fronte, tracciato col sangue, c’è un disegno raffigurante l’ureo, il serpente sacro simbolo del divino faraone... Sfidando superstizioni, tranelli e agguati, Amelia è pronta a risolvere anche questo mistero.

La sfida della mummia




Le avventure di Amelia Peabody (01)
Nata e cresciuta nell'Inghilterra vittoriana, ma ribelle e anticonformista, Amelia Peabody si ritrova a trentadue anni con una cospicua eredità e una grande passione per l’archeologia. Invece di scegliere un marito, sceglie di partire per l’Egitto, il Paese che da sempre la affascina. Giunta nella terra dei faraoni, Amelia decide di imbarcarsi, insieme ad Evelyn, un’inglese incontrata a Roma, per una crociera sul Nilo. Ma il fato sembra divertirsi a far incrociare il cammino delle due donne con quello di due connazionali, i fratelli Walter e Radcliffe Emerson, entrambi archeologi e impegnati nello scavo di alcune tombe. Infatti, dopo essersi separati al Cairo, i quattro s’incontrano di nuovo in un sito sulle rive del fiume. Ma quell'inatteso incontro è segnato da un episodio inquietante: la mummia di un antico sacerdote appare nottetempo nei pressi del loro accampamento. Forse gli scavi hanno innescato una terribile maledizione? O qualcuno vuole sabotare gli studi degli Emerson? Tra mille pericoli e strane sparizioni, toccherà ovviamente all'energica Amelia prendere in mano la situazione e far luce sul mistero della mummia…