Visualizzazione post con etichetta La caccia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta La caccia. Mostra tutti i post

La caccia

Se esiste un metodo per imparare ad imbastire un libro, i BookShots sono un ottimo esempio: essenziali e senza tante divagazioni. Da qui l'autore può poi costruire intorno i personaggi, descrivere bene le ambientazioni e sviluppare meglio la trama. La caccia ne è un esempio:
- Un uomo attende in un bar;
- Due uomini al comando del capo, Jimmy Stewart, entrano per ucciderlo, ma nella colluttazione vengono malmenati e l'uomo riesce a fuggire;
- L'uomo cerca una via di fuga sul tetto, ma viene raggiunto da uno dei due e viene scaraventato di sotto morendo;
- Michael Bennett viene chiamato su luogo per indagare: a prima vista pare un suicidio;
- Tornanto in sede scopre che l'umo si chiamava Peter Mitchel e dalle videocamere ricostruisce a grandi linee cosa è successo mel bar;
- In seguito all'autopsia viene a sapere che che il nome del suicida è falso e che nel suo stomaco viene trovato un preservativo che serve a proteggere un foglietto su cui sono scritti una serie di numeri;
- Bennet viene avvicinato da un giornalista: l'umo misterioso era una spia ed avrebbe dovuto incontrarsi con lui al bar per rivelargli, sotto falso nome, delle informazioni segrete sul governo. Purtroppo il giornalista non è arrivato in tempo all'appuntamento;
- Riguardando le immagini delle videocamere Michael Bennett inizia ad avere dubbi sull'ipotesi di suicidio;
- Dalle impronte digitali si risale al vero nome del morto, Stephen Eardley, pilota dell'aviazione militare, già morto cadendo con l'aereo in un atterraggio d'emergenza durante una missione top secret;
- Michael Bennett si reca a Washington, ma l'aviazione militare si rifiuta di dare qualsiasi spiegazione e lo caccia;
- Tornando a casa una sconosciuta gli mette in tasca un biglietto con l'indirizzo di Paul Haber, che risulta essere anche lui un ex pilota e che ha partecipato alla stessa missione segreta di Stephen Eardley;
- Michael Bennett decide di andare a trovarlo, ma viene rapito daglli stessi due uomini che hanno ucciso l'ex pilota e che sono sotto il comando dello steso Haber, ma fortunatamente riesce a scappare.
Da qui in poi mi fermo perché inizia la caccia all'uomo, a Michael Bennett, che dovrà vedersela con tutte le risorse in possesso di Haber. Sparatorie e lunghi viaggi, nuovi incontri e nuove sorprese lo attendono fino a quando non viene svelato il mistero che ruota intorno al finto suicidio di Stephen Eardley e che risale ad un intervento segreto delle forze speciali a Bagdad.
Da leggere per chi desidera azione e, come già detto, per chi riesce a vedere oltra la trama e ad avere uno spunto per scrivere e, chissà, pubblicare il suo primo romanzo.


BookShots (03)
«Ecco com'è andata. È salito direttamente sul tetto e si è buttato.»
Un uomo è precipitato dal tetto di un hotel di Manhattan. A un primo sguardo si tratta di un suicidio ma c'è un indizio che desta troppi sospetti per archiviare il caso: le impronte digitali della vittima appartengono a un'altra persona.