Corpi nella nebbia

Rebus, già il nome fa pensare a qualcosa cui devi applicarti per risolvere un caso; ed ancora una volta non romani deluso. Fino all'ultima pagina il mistero si infittisce, cambia, si sposta da una persona all'altra e solo all'ultimo momento scopri chi fosse il vero colpevole. Una serie di indagini che ti tengono incollato, che si snocciolano dietro un personaggio che è un rebus lui stesso, così diverso dagli ispettori "moderni" ed ancora legato alla vecchia scuola, forse non più di moda, ma che sempre e comunque porta alla soluzione del caso, sempre accompagnato dalla sua collega, anche lei metà protagonista dell'indagine.



Le indagini di John Rebus (11)
La figlia è sparita nel nulla da dieci anni, ma Nina Hazlitt non si rassegna. Vuole che la polizia riapra il caso. Quando si rivolge per l’ennesima volta alla sezione speciale per i crimini irrisolti, a riceverla c’è un ispettore in pensione che si è da poco aggiunto all’unità, un uomo amante delle sigarette e del bancone dei pub: John Rebus. E se c’è una cosa che John Rebus non ha mai saputo fare nella sua lunga carriera è tirarsi indietro. Gli basta rispolverare vecchi faldoni e documenti per trovare una conferma ai sospetti di Nina: altre donne, a distanza di anni, sono scomparse dalla stessa via in cui è stata vista per l’ultima volta Sally. Perché nessuno ha seguito quella pista? Forse c’è un serial killer che, nelle plumbee lande scozzesi, ha agito per anni impunito. O forse quelle giovani donne scomparse sono ancora vive, ma le loro grida di aiuto si disperdono nella nebbia che ovatta ogni cosa...

Nessun commento:

Posta un commento