Ultime recensioni

Visualizzazione post con etichetta Le conseguenze dell'odio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Le conseguenze dell'odio. Mostra tutti i post

Le conseguenze dell'odio

Tutto il mistero ruota attorno ad un tubetto di dentifricio. Proprio così: ad un tubetto di dentifricio ed al rapporto ossessivo di una madre e dei suoi due figli. Questa volta Elizabeth George, più che puntare sulle indagini, punta sulla psicologia dei personaggi e sui rapporti famigliari che a volte si trasformano in forme di amore-odio tra parenti. Tutto inizia trentanove mesi prima, un prologo che dura quasi un terzo del libro, quando il giovane Will si suicida buttandosi da una scogliera. Di mese in mese ci vengono descritte le reazioni ed i drammi interiori della madre Carlotte, del fratello Charlie e delle rispettive mogli. Scopriamo che entrambi i fratelli sono molto, forse troppo, legati alla madre e che soffrono di crisi depressive pur provando ad uscirne. Ma "recuperare è un percorso. Non una cosa che succede dalla sera alla mattina. Significa muoversi e a volte cambiare. Vivilo ed aggrappati alla speranza dei giorni migliori in arrivo". Intanto Barbara Havers è stata redarguita dal sovrintendente Isabelle Ardery per i sui comportamenti poco ortodossi e irrispettosi delle regole e Thomas Lynley cerca di fare da cuscinetto ed appianare la situazione. Proprio allora una famosa scrittrice viene trovata morta dopo una conferenza cui ha assistito anche Barbara e ad una prima analisi sembra si sia trattato di un attacco cardiaco. Alla stessa conferenza ci sono anche Caroline e Rory, l'assistente della scrittrice Clare. Ed è a questo punto che la morte viene considerata sospetta e Lynley convince Isabelle Ardery ad incaricare Barbara delle indagini. Le indagini iniziano e si scopre che, come già detto tutto ruota intorno al famoso tubetto di dentifricio che quasi uccide anche Carlotte e Rory. Più le indagini procedono e più si scoprono elementi che spostano il possibile sospettato dal  figlio, alla stessa Carlotte, poi alle sue nuore ed al suo ex marito che ha un amante. Indagini a tutto tondo sia da parte di Barbara che da parte di Lynley su due fronti diversi, ma che portano entrambe a scavare intorno ai rapporti tra tutti i membri della famiglia con sempre più insistenza e rivelando ancora una volta come possano cambiare le relazioni sentimentali ed il modo di pensare. Tutto molto ben descritto da Elizabeth George che in questo romanzo fa un passo avanti proprio su questo tema che alla fine sarà decisivo per la soluzione del caso. Caso risolto, ma ancora una volta, proprio alla fine, si scopre il vero ed intimo retroscena che ha scatenato l'assassino. E non dimentichiamoci anche che Thomas Lynley nel corso delle indagini si è innamorato ed alla fine...


I casi dell'ispettore Lynley (18)
Due morti sospette, due indagini parallele, una doppia ricerca della verità
Non c’è pace per l’ispettore di New Scotland Yard Thomas Lynley, che, reduce dalla difficile indagine condotta in Italia, si trova a scavare tra i segreti, i risentimenti e i rimorsi di una famiglia segnata da un lutto terribile: un suicidio che, ogni giorno di più, rivela risvolti agghiaccianti, costringendo Lynley ad affrontare i suoi stessi, dolorosissimi fantasmi, in quello che si annuncia come il caso più complesso della sua carriera. La vita non sorride nemmeno al suo storico braccio destro, Barbara Havers, che attraversa una profonda crisi personale e professionale. Sperando di aiutarla a ritrovare la sicurezza e lo smalto di un tempo, Lynley accetta di affidarle un caso che Barbara stessa si è trovata tra le mani: la morte in circostanze sospette di una scrittrice nota per le sue posizioni a favore del femminismo. Per risolvere l’enigma, Barbara parte per il Dorset, dove, dietro una facciata incantevole di villaggi pittoreschi, distese di colline erbose e scogliere bianche a picco sul mare, scopre un mondo di tradimenti, incontri clandestini e amori trasformati in gabbie da cui è impossibile fuggire...