La donna dalle mani di pioggia




La trama:

Parigi, 1867. Pochi giorni prima dell’inaugurazione dell’Esposizione universale, viene rinvenuto nella Senna il cadavere di un bambino. La madre – una donna che vive nella degradata periferia parigina – viene arrestata con l’accusa di infanticidio. La donna, però, si reclama innocente, sostenendo di aver affidato il figlio, gravemente malato, a un’infermiera. Ma all’ospedale nessuno si ricorda né di lei, né del bambino. E più il tempo passa, più il caso si fa complicato, anche perché dalle indagini emergono contraddizioni, così numerose e sconcertanti che anche la polizia segreta comincia a interessarsi al caso.

Parigi, 1992. La giovane studentessa Gaëtane sta consultando in una biblioteca i documenti relativi al presunto infanticidio avvenuto centoventicinque anni prima. Perché tanto interesse per quella triste vicenda? A chiederselo è Bruno, studioso tedesco di storia dell’architettura, che non appena s’imbatte nella ragazza sente di voler conoscerla a ogni costo. E quanto più il loro rapporto si approfondisce, tanto più la storia che lei sta studiando lo affascina e lo incuriosisce…

Nessun commento:

Posta un commento