L’ombra cinese




Le inchieste di Maigret (15)
Esterno notte: place des Vosges, una sera di novembre. Al numero 61, il direttore dei laboratori che producono i famosi Sieri del Dottor Rivière viene trovato ucciso nel suo ufficio in fondo al cortile: dalla cassaforte, rimasta aperta alle sue spalle, sono scomparsi trecentosessantamila franchi. Al primo piano, la signora di Saint-Marc, moglie di un ex ambasciatore, sta partorendo; al secondo, una vecchia pazza urla nel silenzio della notte ogni volta che la sorella la lascia sola per andare a origliare alle porte dei vicini. Levando lo sguardo, Maigret scorge, dietro le tende di una finestra illuminata, una figura di donna che in controluce gli fa l'effetto inquietante di un'ombra cinese. L'indagine porterà il commissario a fare conoscenza con il morto e con le sue tre donne: la prima moglie, inacidita da un'esistenza meschina, divorata dal risentimento e dall'avidità di denaro; la seconda moglie, una inconsistente, ma tanto distinta, ragazza di buona famiglia; e la piccola Nine, l'amante, l'unica che per il morto verserà lacrime di dolore sincero: perché, dice, era davvero «un uomo di buon cuore».
L'ombre cinese fu scritto ad Antibes nel dicembre del 1931 e pubblicato nel corso dell'anno successivo.

Nessun commento:

Posta un commento