Sette brevi lezioni di fisica

Spiegare la legge della relatività generale così come le leggi che governano il cosmo ed il microcosmo non è facile. E non è facile metterle insieme in un'unica legge che le accomuni, ed infatti i più grandi studiosi ci stanno ancora lavorando. Un libro che spiega in maniera semplice tutto questo non è facile da scrivere, eppure Carlo Rovelli ci è riuscito. La teoria della relatività generale, la più bella delle teorie, di Albert Einstein; la meccanica quantistica, dove si annidano gli aspetti più sconcertanti della fisica moderna; il cosmo e l'architettura dell'universo che abitiamo; le particelle elementari; la gravità quantistica con il suo sforzo di costruire una sintesi delle grandi scoperte del XX secolo; il calore ed i buchi neri e la probabilità. Nell'ultima lezione si ritorna a noi stessi e ci si chiede come possiamo riuscire a pensarci nello strano mondo descritto da questa fisica fisica. Questa è parte dell'introduzione del libro divulgativo, riuscito molto bene sia da un punto di vista teorico, che pratico. E il tempo? "il calore dei buchi neri è una stele di Rosetta", scritta a cavallo di tre lingue (Quanti, Gravità e Termodinamica), che attende di essere decifrata per dirci cosa sia davvero lo scorrere del tempo". Lascio l'ultimo capitolo alla sensibilità di chi lo leggerà: "Che posto abbiamo noi, esseri umani che percepiscono, decidono, ridono e piangono, in questo affresco del mondo che offre la fisica contemporanea? Se il mondo è un pullulare di effimeri quanti di spazio e di materia, un immenso gioco ad incastri di spazio e particelle elementari, noi chi siamo?". "E' una domanda difficile. Nel grande quadro della scienza contemporanea ci sono molte cose che non capiamo, e una di quelle che capiamo meno siamo noi stessi". A voi la risposta...
Un libro che si legge facilmente ed in poco tempo e con semplici esempi di vita reale per spiegare meglio le teorie. Resta il fatto che queste spiegazioni così semplici e ben scritte possono invogliare ad approfondire un aspetto piuttosto che un altro ricordandosi sempre che "la scienza è attività innanzitutto visionaria" e che "la differenza tra passato e futuro esiste solo quando c'è calore. Il fenomeno fondamentale che distingue il futuro dal passato è che il calore va dalle cose più calde alle cose più fredde"


La trama:
"Ci sono frontiere, dove stiamo imparando, e brucia il nostro desiderio di sapere. Sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nel fato dei buchi neri, e nel funzionamento del nostro stesso pensiero. Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l'oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo, e ci lasciano senza fiato". Tale è il presupposto di queste "brevi lezioni", che ci guidano, con ammirevole trasparenza, attraverso alcune tappe inevitabili della rivoluzione che ha scosso la fisica nel secolo XX e la scuote tuttora: a partire dalla teoria della relatività generale di Einstein e della meccanica quantistica fino alle questioni aperte sulla architettura del cosmo, sulle particelle elementari, sulla gravità quantistica, sulla natura del tempo e della mente.

Nessun commento:

Posta un commento