La sindone del diavolo

DA LEGGERE



Un'indagine di Dante Alighieri

Venezia, estate 1313. Nel corso del suo esilio, Dante Alighieri non ha mai visto un luogo simile. È come se quella città sospesa sull'acqua fosse in perenne movimento e si divertisse a disorientare chi vi si avventuri senza guida. Il poeta però non ha scelta: deve affrontare quella selva di calli e canali per rintracciare lo speziale saraceno Nazeeh Al Bashra, che forse è l'unico in grado di curare Arrigo VII. Il destino dell'imperatore è legato a filo doppio a quello del poeta, che con la morte del suo protettore perderebbe anche l'ultima speranza di rientrare da trionfatore nell'amata Firenze. Eppure, fin dall'inizio, la missione presenta risvolti inquietanti. Chi sono gli oscuri personaggi che lo avvicinano e che sembrano sapere tutto dell'opera che sta scrivendo, il suo viaggio agli inferi? E perché si ostinano a ripetere di aver visto il diavolo aggirarsi per Venezia? Dapprima incredulo, Dante viene assalito dai dubbi quando l'uomo cui era stato indirizzato per avere notizie del saraceno viene ucciso in un modo così atroce che solamente un demone avrebbe potuto escogitare. Forse davvero il diavolo ha deciso di sfidare le leggi del cielo e di rivelare all'umanità il proprio volto...

Nessun commento:

Posta un commento