Conto alla rovescia

Attentati dinamitardi, omicidi, attacchi terroristici, bullismo: e si ride anche... In questa nuova avventura Michael Bennett è in vacanza con la numerosa famiglia, ma viene richiamato per risolvere una serie di omicidi che sembrano collegati tra di loro. E così si trova costretto a fare la spola tra la casa al mare e le città. Dopo una bomba nella sede centrale della New York Public Library, un attacco terroristico ed omicidi che sembrano casuali scoprirà che l'autore è un certo Berger. Intanto, in vacanza, due dei suoi figli se la devono vedere con dei bulli che abitano vicino a loro e sarà costretto a risolvere anche questa situazione. Non un attimo di pausa per il nostro detective che indaga, corre da una parte all'altra di New York fino a scoprire l'assassino che in realtà ha un piano ben congegnato e vorrà portarlo a termine fino alla fine. Ed in più si trova impantanato tra due donne innamorate di lui ed anche in questo caso dovrà prendere una decisione tanto difficile quanto giusta. Ma nonostante tutto nel libro si trovano anche battute, sarcasmo, citazioni che rendono il tutto più leggero e gradevole. Tema importante quello del bullismo sui minori, ben narrato e risolto in maniera leggermente anticonvenzionale, tema che alla fine scopriremo essere forse anche la causa che spinge l'omicida a compiere tutte queste stragi. Dicevo che si sorride anche; quando Bennet si trova innamorato di una collega e di un'altra ragazza pensa che " sia come un problema di quinta elementare. Una ragazza che ti piace ti sta aspettando alla spiaggia, mentre un'altra, a Washington, sale su un treno che viaggia a centosessanta chilometri orari. Quanto tempo passerà prima che tu ti ritrovi nei guai?". Ce ne sarebbero altri, ma preferisco lasciarli a chi leggerà questa avventura. Mi piace ancora ricordare un pensiero del nostro eroe: "Non dire quattro se non ce l'hai nel sacco"; vi ricorda qualcuno? Magari un noto allenatore italiano diventato celebre per un detto simile, oltre che per aver vinto molto? Un bel libro per chi ama il genere, magari da leggere durante le vacanze: suspense e battute...



I casi di Michael Bennett (04)
Per il detective Michael Bennett doveva essere una tranquilla e rilassante vacanza con la sua famiglia, ma è costretto a tornare in servizio: qualcuno ha piazzato una bomba nella sede centrale della New York Public Library, accompagnata da un messaggio criptico e inquietante, che lascia intendere che quella bomba non sarà l’unica. A distanza di pochi giorni, vengono ritrovati due cadaveri all’interno di un’auto, e un biglietto, indirizzato proprio a Michael Bennett. Il detective è sempre più convinto che ci sia un collegamento tra gli omicidi e gli attentati dinamitardi che stanno terrorizzando New York, ma dovrà agire più in fretta del killer perché il tempo non dà scampo...

Nessun commento:

Posta un commento