Il testamento del papa

Ho messo più tempo del previsto a leggere questo libro, forse perché preso più dall'idea di un trasloco e quindi intento a riordinare, forse perché questo libro non è stato all'altezza di quanto mi aspettassi. Bella l'dea di un papa che lascia ai posteri un'eredità nascosta in una statua che verrà ritrovata tra le due guerre (sembra che comunque circoli una voce riguardo a questo fatto), ma in fin dei conti il libro non mi ha "preso". Troppi colpi di scena e personaggi misteriosi che si intrecciano e troppo il furto di un areo ad un amico che non ne sa nulla e con le taniche di carburante già li belle pronte all'uso...
Aspetto il prossimo libro, magari della serie delle indagini di Dante che, seppur altrettanto fantasiose, ricordo più volentieri. Nulla tolgo a Giulio Leoni,anzi spero che il prossimo romanzo sia un po' più avvincente e realistico.
A presto...



La trama:
Roma, 999. Mentre il popolo aspetta, impaurito e disorientato, l’alba del nuovo millennio, l’attenzione di papa Silvestro II è tutta rivolta al dono inviatogli dall'imperatore d’Oriente: una statua che emette un suono simile a un canto. Ed è proprio a quella macchina meravigliosa che decide di affidare la sua eredità, un’eredità destinata a segnare i secoli a venire…
Roma, 1928. La città sta cambiando volto. I faraonici progetti urbanistici voluti da Mussolini sono una grande opportunità per tutti gli architetti della capitale. Per tutti, tranne uno: fuori dal giro che conta, Cesare Marni si guadagna da vivere trafficando in oggetti d’antiquariato e, un giorno, viene avvicinato da un operaio che gli mostra la fotografia di una statua trovata durante gli scavi nell'area dei Fori Imperiali. Incuriosito, Marni inizia le ricerche ed entra in contatto con un eccentrico professore, convinto che quella sia la leggendaria statua di Silvestro II, custode di un grande segreto. Quando l’operaio viene barbaramente ucciso, Marni capisce che quella scoperta ha messo in moto una catena di eventi molto pericolosi, dietro cui si muovono personaggi oscuri e dai propositi inquietanti…

Nessun commento:

Posta un commento