17/12/16

Un mattino d'ottobre

Le indagini del commissario Miceli e l'ex giudice Petri? Ma dove è Petri? Questo mi sono chiesto all'inizio della lettura del primo episodio di questa saga. Si, perché Petri viene menzionato quasi per caso solo a pagina 102, il 14 dicembre, quando tutto ha inizio il 27 ottobre con una morte casuale, quella di una bambina. Il libro parte subito in quarta con una serie di omicidi apparentemente casuali che gettano ombre selle capacità del commissario Miceli e della sua squadra, in cui spicca la bella Grazia Bruni, che sono impegnati anche in altre indagini. Tra queste incuriosiscono come aneddoti il verduraraio cui ogni giorno scompaiono 5 mele ed il commerciante dalla cui cassa spariscono immancabilmente 30 euro alla settimana. Tutti piccoli casi, finché le indagini non iniziano a dare i primi frutti e qualche tassello va al suo posto. Ben caratterizzati i personaggi, anche perché Gianni Simoni è un ex magistrato e in questo mondo ci ha vissuto per anni (e non commette quindi neanche errori su procedure o modalità di condurre un'indagine) e ben caratterizzata la vita quotidiana della città: "Il sabato era una giornata di punta e le signore delle zone bene, nella mattinata, durante il loro giro quotidiano, passavano dal centro per fare gli acquisti anche per il giorno dopo". Finalmente qualcosa si muove nelle indagini, la trama è ben costruita, e finalmente il 24 dicembre incontriamo Petri che, in contatto con Miceli, inizia a seguire in veste ufficiosa questa indagine. Da qui in poi spetta a lui un ruolo più centrale: è grazie alle sue intuizioni che ogni singolo tassello va a posto. Lui, che si autodefinisce "il grillo parlante", ha le intuizioni giuste e mette a posto i restanti pezzi del puzzle senza però voler sovrastare i componenti della squadra: mi è diventato simpatico subito. Ed alla fine il colpo di scena che mette fine alle indagini e porta in carcere il pluriomicida. Insomma, un bel libro, scritto bene e con una bella trama, un bravo autore che trova in Petri e Miceli due personaggi che faranno senza dubbio breccia negli amanti del genere. Non ci resta che passare spesso in libreria a vedere quando esce il prossimo episodio...



Le indagini del commissario Miceli e l'ex giudice Petri (01)

Brescia, 27 ottobre, ore 8.00: l’ingegner Rava lascia casa sua in auto. Ore 9.10: Giorgio Anselmi, autotrasportatore, mette in moto il suo furgone. Ore 9.15: la piccola Giulia, quattro anni, figlia di un noto avvocato e di una stimata pneumologa, col suo vestitino giallo, si avvia al parco sotto casa accompagnata da Santina, la baby sitter. Ore 9.47: la mamma di Giulia compone un numero di telefono. Il cellulare dell’ingegner Rava squilla all’improvviso, quanto basta per distrarlo e fargli mancare uno stop. Il furgone di Giorgio Anselmi arriva troppo veloce all’incrocio. Una spaventosa carambola e, alla fine, un fagottino giallo informe resta sul marciapiede. È solo l’inizio. Due settimane dopo, l’ingegner Rava viene trovato morto, assassinato. Tre settimane dopo, Santina Vergottini sta passeggiando da sola, quando due colpi la raggiungono al torace. Quasi due mesi dopo, Letizia Strambi, pneumologa, in auto davanti a casa, si becca due pallottole in fronte. Un orrore inarrestabile, destinato a mietere altre vittime, apparentemente innocenti e slegate l’una dall’altra. Una sfida ardua per l’ex giudice Petri e il commissario Miceli e la sua squadra. La soluzione sembra sempre più lontana a mano a mano che ci si avvicina alla fine. Eppure era tutto chiaro, scritto fin dall’inizio.

Nessun commento:

Posta un commento